Civitas, 4-6 maggio 2007: "Quali frontiere?! Valori e nuove relazioni della società civile in Europa"

letture: 3875

creato: 23 aprile 2007

CIVITAS - XII edizione

«QUALI FRONTIERE?! VALORI E NUOVE RELAZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE IN EUROPA»
Fiera di Padova, 4-6 maggio 2007


Civitas, il salone nazionale della solidarietà , dell'economia sociale e civile, giunto alla sua XII edizione, riparte con slancio il 4 maggio con iniziative e spunti di riflessione per evidenziare ancora una volta le specificità e le ancora innumerevoli potenzialità che il terzo settore può esprimere.

Trovare risposta alla domanda «Quali frontiere?!» è la sfida che raccoglie Civitas per il 2007, in considerazione dell'Anno europeo della pari opportunità per tutti, per stimolare la ricerca di buone pratiche sul come promuovere e attuare le giuste condizioni affinchè le «frontiere» non siano «confini invalicabili», ma luoghi per riconoscere i valori, i diritti e i doveri dei cittadini europei. Cittadini, società civile, imprese e istituzioni sono i quattro attori di Civitas che in prima persona devono rivestire un ruolo attivo e propulsivo in materia di politiche economiche, sociali e ambientali.
Il ricco calendario di appuntamenti culturali proporrà convegni di primo livello per approfondire i temi caratterizzanti le sei grandi aree tematiche: cittadinanza, lavoro, istruzione, economia internazionale e ambiente. A dibattere delle questioni importanti che coinvolgono la società civile interverranno come ospiti d'onore esponenti del Governo, delle istituzioni, dei sindacati e del mondo sociale.
L'area espositori darà modo di avvicinare realtà locali e nazionali rappresentative delle diverse categorie che insieme costituiscono il cuore pulsante di Civitas. Associazioni di volontariato, di promozione sociale, Ong, imprese sociali, cooperative, istituzioni pubbliche, aziende sociosanitarie, università ; presenze che contribuiranno ad animare, a intrattenere, a coinvolgere e sensibilizzare il visitatore ai temi della diversità , dell'integrazione, della tutela dei diritti umani, del consumo responsabile, della tutela ambientale.
Dopo il progetto di cooperazione internazionale con il Brasile dello scorso anno, Civitas lancia in questa edizione le giornate della Solidarietà e della Cooperazione con l'Ucraina. Sarà riservata un'area ove si proporrà un percorso di dialogo tra Ucraina e Italia, attraverso il coinvolgimento delle rappresentanze istituzionali, economiche, civili e culturali. Il progetto mira a sostenere l'approccio alla coprogettazione stimolando il confronto sulle buone prassi per incentivare uno sviluppo socio-economico reciproco. Mostre fotografiche, esposizioni di prodotti artigianali tipici, una sezione video, degustazioni di cibi locali, un concerto di voci ucraine: queste le proposte delle tre giornate nell'area expò ucraina, per conoscere attraverso i sensi le peculiarità di questa cultura.
Il tema «Quali frontiere?! Valori e nuove relazioni della società civile in Europa» vuole essere un invito per tutti per mettersi in discussione in prima persona. Anche Civitas intende interrogarsi e ripensare il suo agire e il suo proporsi, consapevole che sono maturati i tempi per un'evoluzione. Il proposito è di cambiare per migliorare e migliorarsi attraverso un confronto aperto, leale e costruttivo fatto di un costante dialogo e un attento e rispettoso ascolto dell'altro.
Immancabile l'appuntamento del World Social Agenda, dedicato quest'anno alle donne dell'Est Europa. «Quale Europa? Tra EUforia e EUfobia» è il titolo della conferenza internazionale di venerdì 4 maggio alle 20.30: interverranno tre relatrici provenienti rispettivamente dall'Ungheria, dalla Romania e dalla Bosnia per parlare di questa nuova Europa allargata ma ancora controversa.

Per ulteriori informazioni: www.civitasonline.it.


Sostieni l'attività della Fondazione E. Zancan con una donazione

© 2002-2021 tutti i diritti riservati - Fondazione Emanuela Zancan Onlus - Centro Studi e Ricerca Sociale
via del Seminario, 5/A - 35122 Padova (PD) - Italy
CF e PI 00286760285
nota legale | credits: 4webby.com