Giustizia sociale, sostenibilità e welfare generativo

letture: 3137

creato: 05 febbraio 2014

TAGS: welfare giustizia

Per effetto della perdurante crisi economica, le parole «equità» e «giustizia sociale» appaiono con sempre maggiore frequenza all'interno del dibattito pubblico. Ci si interroga su dove tagliare, a chi imporre più sacrifici, su quali settori investire per recuperare produttività e benessere. Ma quali principi si debbono adottare per fare queste scelte?

L'attuale sistema, che amministra molti diritti e pochi doveri e che si fonda sulla raccolta di risorse (attraverso la leva fiscale) e sulla successiva redistribuzione non funziona più. In primo luogo perché stanno aumentando i bisogni complessi e la correlata domanda di intervento e in secondo luogo perché è oggettivamente diminuita l'occupazione fonte delle risorse fiscali e contributive a sostegno del sistema di welfare.

La sfida del futuro si gioca dunque nel passaggio dal welfare attuale ad un welfare a maggior capacità e potenza, rigenerando le risorse senza consumarle, anzi facendole rendere grazie alla responsabilizzazione resa possibile da un nuovo modo di intendere i diritti e i doveri sociali.

A questi temi è dedicato l’ultimo incontro ecclesiale di impegno civile e politico del ciclo «Giustizia come bene comune» organizzati dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose Rufino di Concordia in Portogruaro.

«Giustizia sociale, sostenibilità e welfare generativo» è il titolo dell’intervento di Tiziano Vecchiato che si terrà Venerdì 7 febbraio a Portogruaro, Via Seminario 21 (ore 19.00-21.00).

Per informazioni: Elisa Anese Tel. 0421-281111 email: elisa.anese@gmail.com

News rss feed

Sostieni l'attività della Fondazione E. Zancan con una donazione

© 2002-2021 tutti i diritti riservati - Fondazione Emanuela Zancan Onlus - Centro Studi e Ricerca Sociale
via del Seminario, 5/A - 35122 Padova (PD) - Italy
CF e PI 00286760285
nota legale | credits: 4webby.com