I nuovi Lea? Nati vecchi senza scienza e coscienza

letture: 852

creato: 17 gennaio 2018

TAGS: welfare valori poverta diritti

“Clinica, ricerca e nuove tecnologie per l’autonomia e la qualità della vita”: su questo tema il confronto è sempre più serrato. Non riguarda la fine della vita ma tutta la vita, dal suo inizio. Riguarda soprattutto i bambini e i ragazzi con disabilità neurologiche complesse e il dialogo tra genetica, clinica, etica, farmacologia, prognostica funzionale, riabilitazione, tecnologie. La crisi del welfare non fa sconti a nessuno, neanche a chi ha la vita davanti. Lo fa in modi impietosi visto che, fino a qualche tempo fa, non era pensabile interrogarsi sul razionamento di risposte fondamentali per curare e prendersi cura. Ma oggi sta avvenendo. L’outcome multidimensionale è organico, funzionale, cognitivo, comportamentale, socioambientale, relazionale, valoriale, spirituale. Sono dimensioni vitali che solo insieme possono fare la differenza nel prendersi cura, clinico e umano, in modi sostenibili. I nuovi Lea non pensano così, si concentrano su quello che si può e non si può dare. Segmentano le responsabilità e accettano il rischio delle tante prestazioni non governate, con poca “scienza e coscienza” e con poca presa in carico clinica e comunitaria dei problemi. È una sfida per le pratiche generative: dovranno contrastare il prestazionismo e valorizzare il “concorso al risultato”, cioè tutte le capacità, anche minime, che ogni persona può esprimere. I loro potenziali emergono dalle sperimentazioni, con percentuali di maggiore outcome a due cifre, cioè sorprendenti, con indici di costo/efficacia convincenti. La convergenza su queste potenzialità sta mettendo radici nel dialogo tra discipline (clinica, genetica, riabilitazione, tecnologie, economia …). Sono scandite dai passaggi culturali espressi dai termini utilizzati: medicina preventiva, predittiva, partecipativa, personalizzata, di precisione. Si converge cioè sempre di più su “persona e spazio di vita”, insieme fonti di “staminali biosociali”, rigenerative a livello funzionale (genoma) e a livello vitale (capacità). Non ha quindi senso rinunciare al futuro più umano che ci aspetta.

Welfarismi, Rubrica di Tiziano Vecchiato su Vita, gennaio 2018

News rss feed

Sostieni l'attività della Fondazione E. Zancan con una donazione

© 2002-2019 tutti i diritti riservati - Fondazione Emanuela Zancan Onlus - Centro Studi e Ricerca Sociale
via del Seminario, 5/A - 35122 Padova (PD) - Italy
CF e PI 00286760285
nota legale | credits: 4webby.com